Benvenuto su Idee Matrimonio Sicilia!    

ON / BY admin/

QUANDO ARREDARE CASA?

Molti sposi dopo aver fissato la data del loro matrimonio, cominciano ad organizzarsi con la casa. Alcuni la comprano ex novo, altri la prendono in affitto e anche quelli che sono già andati a convivere, decidono di rinnovare qualche arredo.
La casa degli sposi dovrà rispecchiare, nel modo in cui viene arredata, le esigenze e la personalità della nuova coppia che si è formata. Tornare alla vita di tutti i giorni, dopo aver festeggiato il grande evento ed essere andati in viaggio di nozze, sarà un’altra grande novità per gli sposi che saranno messi di fronte alla quotidianità. Abbandonare il nido familiare d’origine spesso può essere dura, ma superato il primo momento del distacco, progettarne uno nuovo con il proprio coniuge sarà un’esperienza nuova ed entusiasmante.

Arredare la nuova casa, vi darà l’occasione anche di conoscere di più i gusti dell’altro e di adattarvi ad essi. Ma è meglio arredare la casa prima o dopo il matrimonio? Come al solito la risposta sta nel mezzo. Certo, rientrati dal viaggio di nozze, dovete trovare almeno l’essenziale in casa. Quindi la camera da letto dovrà essere più o meno pronta e la cucina montata. Poi se in camera non avete ancora acquistato la cassettiera e i comodini, non fa niente. Per i primi mesi potete anche poggiare la lampada per leggere su uno scatolone usato per il trasloco.

E’ fondamentale per voi che la cucina sia pronta all’uso, altrimenti sarà difficile anche prepararsi la colazione. Se poi in cucina mancano gli elettrodomestici di seconda importanza come la caffettiera, lo spremi-agrumi e il tostapane…beh pazienza! Arriveranno. Vivete nella vostra nuova casa per almeno un paio di mesi con l’essenziale, poi cominciate a fare altri acquisti. Vivendo nel nuovo ambiente capirete meglio le vostre esigenze e avrete il piacere di scegliere con tutta la calma piccoli mobili e accessori vari.
Per avere qualche idea visitate il sito https://www.ideematrimoniosicilia.it alla sezione “Arredamento”.


CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO